Blog

Perché scegliere una personal shopper Daniela Placentino

Perché scegliere un/a personal shopper?

Rivolgersi ad un/a Personal Shopper aiuta a risparmiare tempo e soldi grazie alla sua competenza professionale e conoscenza dei negozi, permette di realizzare un buon acquisto evitando di comprare quei capi che poi si lasciano inutilizzati nell’armadio perché non ci convincono, comprati per moda, per saldo, ecc…

Un/a Personal Shopper non è semplicemente una “guida agli acquisti”, ma un professionista in grado di fornire un servizio totalmente personalizzato che parte dall’analisi dei colori alla figura ed attraverso una consulenza di stile è in grado di elevare e valorizzare la figura di ognuno, che sia un’occasione particolare o la scelta dell’abbigliamento per l’ufficio. Vi fornisce una consulenza su cosa acquistare, dove e come farlo, vi permette di acquistare solo quello che effettivamente desiderate, e per il budget che vi siete prefissati (qualsiasi esso sia).

II mio obiettivo da consulente d’immagine e personal shopper é di creare e rendere unica la propria

immagine, insegnando a scegliere quello che sta bene indipendentemente dalla moda e da quello che indossano gli altri, ma rispettando il proprio stile e la propria personalità.

Unyca il servizio su misura per TE! Prenota la tua consulenza sul sito www.unycastile.ch

La chirurgia estetica moda o necessità Daniela Placentino

La chirurgia estetica moda o necessità?

I canoni di bellezza sono sempre più irraggiungibili, siamo quotidianamente esposti alle pressioni narcisistiche dove è vietato essere brutti, in una società basata sull’immagine, la chirurgia estetica è ormai diventata una moda.

In molti ricorrono ai “ritocchini” per migliorare il loro aspetto, non sono soltanto le donne, ma anche gli uomini e molti giovani che subito dopo aver compiuto la maggiore età decidono di rivolgersi ad un chirurgo. Se la chirurgia estetica si può accettare quando realmente migliora insieme all’ aspetto la vita delle persone, un suo abuso diventa eccessivo da vedere.

Oggi è noto che per sentirsi accettati nella società bisogna incarnare modelli di bellezza provenienti da celebrità dicendo addio alle imperfezioni che ci rendono unici e interessanti. Non sono necessari molti studi per capire che la causa scatenante di questi interventi sia l’insicurezza, a maggior ragione credo fortemente nei servizi che offre una consulente d’immagine, sono mirati alla valorizzazione della persona dalla testa ai piedi, senza trattamenti invasivi, solo grazie a tecniche e piccoli camouflage si può migliorare il proprio aspetto e la propria autostima ed essere semplicemente autentici.

Ricordate, anche con l’avanzare dell’età qualche ruga non guasta la bellezza della persona, come affermò la grande Alda Magnani “Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. C’ho messo una vita a farmele!”.

l_-minigonna-a-40-anni-si-puo-g0ka

Minigonna a 40 anni si puo’?

La minigonna è da sempre simbolo di femminilità e sensualità, ma non dona a tutte, questo lo sappiamo. Ogni età ha un proprio stile, la 20enne sta bene con la mini (fisico giovane e tonico, possono sfoggiare le gambe senza paura) la 40enne con la longuette»
Quindi dopo i 40 niente più gonne sopra il ginocchio? No, basta scegliere bene. La lunghezza leggermente sopra il ginocchio dona a tutte e se avete delle belle gambe potete ancora osare un po’, diciamo che, più dei centimetri è il buon gusto a fare la differenza. Sebbene si dica che i 40 anni di oggi siano diventati i nuovi 30 anni, é importante non dimenticarsi dell’età
anagrafica, si rischia altrimenti di cadere in eccessivi errori di stile.
Escludendo le versioni mini, la regola da rispettare, sarà non più corta di un palmo sopra il ginocchio, il modello sarà in base alla forma del corpo, gonna a campana, a tubino, a portafoglio, a balze o a vita alta, e se abbinata con bluse, t-shirt o camicie dal taglio molto classico e una semplice décolleté risulterà un outfit sobrio e curato.
Perché mettersi in mostra quando non c’è gesto più sensuale che giocare con quel vedo vedo che intriga?

l_-il-dress-code-dei-nostri-politici-Daniela Placentino

Il dress code dei nostri politici

Perché per un politico un outfit non é soltanto una scelta di moda ma un vero e proprio strumento di comunicazione, possiamo dire che l’abito fa il marketing ed é per questo che andrebbe curato in maniera strategica per riuscire a trasmettere non solo verbalmente il messaggio, ma anche attraverso il modo di vestire più adatto per il singolo leader politico, nella giusta occasione, può rivelarsi la carta vincente. Soprattutto quando si tratta di donne al potere, il look rischia di assumere più importanza di quanto dovrebbe, fino a offuscare quasi completamente messaggi o azioni politiche, ma è sicuramente tra gli strumenti più potenti per distinguere il proprio brand politico.

Una scelta importante da non sottovalutare sono i colori, ad ogni colore corrisponde un preciso significato, sia di tipo emotivo sia di tipo simbolico scegliere accuratamente i colori che si indossano é un valido aiuto a sostegno della propria immagine e della propria personalità…

Per concludere, oltre alle capacità e alle competenze, un abbigliamento adeguato e pensato per esaltare la personalità può rivelarsi una strategia efficace per completare l’immagine e fare colpo sugli altri.

Dieta-vuoi-un-idea-migliore-come-vestirsi-per-sembrare-piu-magra Daniela Placentino

Dieta: vuoi un’idea migliore? Come vestirsi per sembrare più magra

Perdere peso in fretta e con il minimo della fatica è il sogno di tutte noi. Ma sappiamo benissimo che non funziona proprio così, per dimagrire bisogna seguire un alimentazione sana e fare attività fisica ed avere pazienza che si raggiungano i risultati desiderati. Se vuoi un risultato non invasivo ma immediato, la buona notizia é che ci sono dei trucchi per sembrare più snella: con i segreti della consulente di immagine Unyca, scopri come vestirti in base al fisico con gli outfit e i vestiti per sembrare più magra. Il primo abito che indossiamo é l’intimo, sceglilo della taglia giusta, ti aiuterà a modellare la figura. Collant e biancheria intima “contenitivo” sono particolarmente efficaci per appiattire la zona centrale del corpo, specialmente quando indossi abiti e gonne. Compra vestiti della taglia giusta, ne troppo piccoli e stretti, neanche troppo grandi e ingombranti, ideali sono gli indumenti che seguono la linea naturale del corpo. Indossa colori scuri come blu e nero (in base alla tua palette cromatica) hanno un effetto snellente. Determinare la forma del proprio corpo è fondamentale, attraverso la consulenza di Analisi della Figura, imparerai tutte le tecniche per valorizzare i punti di forza e camuffare i difetti.

Una-proposta-tutta-dedicata-all-uomo

Una proposta tutta dedicata all’Uomo

Conoscere la propria immagine e saperla valorizzare non è una prerogativa soltanto al femminile. Unyca lo sa benissimo, ed é per questo che da gennaio lo studio si amplierà per offrire più servizi tra cui la consulenza d’immagine tutta al maschile.
Nella nostra società, l’immagine ha acquisito un ruolo sempre più importante e anche per gli uomini è diventato fondamentale lavorare sul proprio aspetto, sappiamo che le competenze sono indispensabili ma non sufficienti, se non legate ad un immagine vincente.
Ogni uomo dovrebbe conoscere gli strumenti tecnici indispensabili per far risaltare i propri punti di forza, in modo tale da essere sempre al meglio in ogni occasione.
Una servizio completo, per valorizzarsi rispettando il proprio stile e la propria personalità per ottenere un’immagine di successo, coerente con il proprio ruolo professionale e il proprio stile di vita personale.
La consulenza unyca può aprire nuove o maggiori possibilità sia nel campo professionale che nella vita privata.

l_-l-abito-perfetto-per-le-feste-in-base-alla-forma-del-corpo-f98r

L’abito perfetto per le feste in base alla forma del corpo

A Natale non ci sono regole, neanche se parliamo di look, ed è per questo che voglio darvi solo qualche consiglio tecnico sul vestito da indossare in base alla forma del vostro corpo.

Fisico a cerchio come Demi Moore Avere questo corpo non significa essere in carne, ma semplicemente avere un corpo con il punto vita quasi inesistente. Per slanciare questa figura servono abiti che abbiano un taglio a trapezio, dai colori scuri; la lunghezza ideale dei vestiti dovrebbe essere sopra al ginocchio.

Fisico a clessidra come Beyoncé Il punto di forza è il punto vita. Gli abiti per mettere in risalto questo fisico sono i tubini stretti in vita, leggermente svasati e con scollo a V.

Fisico a rettangolo come Cameron Diaz Il corpo a rettangolo ha bisogno di essere valorizzato, scegliere degli abiti che creino delle curve. Indicati gli abiti monospalla, con tagli asimmetrici, più corti davanti e più lunghi dietro.

Fisico a triangolo rovesciato come Angelina Jolie Questo tipo di fisico ha bisogno di rendere più armoniosa e femminile la propria figura e deve quindi portare l’attenzione sul punto vita e sulle gambe. Gli abiti ideali sono quelli morbidi sopra ed attillati sotto. Nella parte alta, il consiglio è di indossare qualcosa di semplice, senza accessori e decorazioni, e dai colori scuri.

Fisico a triangolo come Jennifer Lopez Le spalle sono più strette rispetto ai fianchi, gli abiti ideali sono quelli che concentrano i dettagli sul busto e sulle spalle, rimanendo morbido o a ruota dalla vita in giù. Un tocco di rosso, oro o argento fa sempre Festa!

l_-tacchi-alti-come-sopravvivere--f0qg

Tacchi alti, come sopravvivere…

I tacchi alti donano immediatamente un portamento più elegante e femminile, ti aiutano ad essere più alta, a sembrare più snella e a sentirti più sicura.

Tuttavia, camminare con i tacchi alti può essere un po’ complicato, soprattutto se non sei abituata.

Prima ancora del saper camminare con i tacchi alti c’è il saper scegliere la scarpa giusta. Impara a riconoscere i modelli di scarpe che calzano bene al tuo piede. Più il tacco è alto e più il peso è sbilanciato sulla punta del piede, provocando un forte dolore già dopo qualche ora che le indossiamo.

Per la salute del piede e della schiena, non bisognerebbe portare tacchi molto alti per più di 4-5 ore al giorno.

Ideale sarebbe pianificare la prova delle nuove scarpe alte a metà giornata, perché appena sveglie il piede è ancora sgonfio, mentre alla sera è molto gonfio.

Importante il “kit di sopravvivenza” deve avere dei cerotti trasparenti in caso di vesciche o sfregamenti, e dei cuscinetti in silicone. La camminata con i tacchi è piacevole quando è lenta e posata, perché correre con i tacchi non è elegante. Riserva dunque i tacchi alti nelle occasioni dove non hai fretta o alla sera.

Il movimento corretto da fare è di appoggiare prima il tallone, e quindi il tacco, e poi la punta. Ricordatevi sempre: Tacco-punta. Tacco-punta.

Daniela Placentino Inverno a colori

Inverno a colori

L’autunno è arrivato e come ad ogni inizio stagione c’è sempre la voglia di rinnovare il guardaroba e allora meglio dare uno sguardo ai colori moda autunno/inverno 2018/19, per non sbagliare i primi acquisti e indossare subito qualcosa di tendenza.

Tonalità calde e prettamente autunnali, si alterneranno a toni forti e vivaci, una vasta palette di tonalità, ma a farla da padrone saranno sopratutto 10 COLORI:
Arancione, Argento, Azzurro e Blu “digitale”, Caramello, Giallo pastello e fluo, Grigio marmo, Rosa Fucsia, Rosso ciliegia, Verde, Viola lavanda.

Ma niente paura non mancano due grandi classici di sempre, il bianco e il nero in tutte le loro sfumature.

La parola d’ordine per la stagione è colore + colore, per esempio, abbinare il bordeaux con il giallo, il blu petrolio e il verde pavone, il caramello e azzurro carta da zucchero, il fucsia con il rosso, insomma ci si può sbizzarrire creando delle combinazioni vincenti.

Una piccola raccomandazione da consulente d’immagine: è bello seguire la moda ma è altrettanto importante che i colori che indossiamo siano i nostri colori Amici che stiano bene con la nostra combinazione pelle-occhi-cappelli.

Nelle foto alcuni scatti della collezione AI 18/19 di ANTEPRIMA

La tua immagine, il tuo “biglietto da visita” per aver successi personali e professionali!

 

Unyca Daniela Placentino Chiasso

Miss Mamma? Che occasione!

Daniela Placentino, consulente d’immagine presso Unyca a Chiasso, sara’ supervisore del concorso che avra’ luogo sabato 27 ottobre presso la discoteca Capo San Martino di Lugano

Daniela, in autunno torna Miss Mamma Ticino&insubria, un suo pensiero sul concorso?

Sarà una bella occasione per le Mamme che voglio mettersi in gioco e concedersi un’esperienza unica. Lo scopo principale del concorso è quello di valorizzare al massimo la figura della Donna e, in modo particolare quello della Mamma, colei che con dedizione e amore si occupa dell’educazione dei figli, della cura della casa, del lavoro, di tutti i doveri che quotidianamente le spettano. Quindi oltre alla bellezza delle partecipanti, verrà premiata la personalità la simpatia ma soprattutto la più…MAMMA tra le MAMME.

Il concorso può essere una rivincita per ciò che non è stato oppure una simpatica serata da vivere con leggerezza?

Direi entrambe. Tre anni fa ho partecipato come Miss al concorso ed è stata un’esperienza fantastica, mi sono divertita tantissimo, si sono create delle belle amicizie con le altre mamme, non c’é stato accanimento ne arrivismo tra le partecipanti, ma solo la voglia di rimettersi in gioco e divertirsi, con la consapevolezza che il successo più grande l’avevamo già conquistato: i nostri FIGLI.

Possiamo affermare che può essere una grande occasione per le mamme?

Assolutamente sì! Ricordiamoci che le mamme sono principalmente delle DONNE e come tali è un dovere piacersi e volersi bene e perché no, ogni tanto prendersi un momento di leggerezza tutto per loro.

Lei quest’anno avrai il compito di supervisore, nel dettaglio di che si tratta?

Sono davvero entusiasta di far parte del team come supervisore del concorso. Seguirò le selezioni con l’organizzatore Michele Alippi, le mamme che parteciperanno verranno a trovarmi c/o il mio studio Unyca a Chiasso, dove avrò occasione di spiegare alcune tecniche della consulenza d’immagine e qualche consiglio su i tre cambi d’abbigliamento che indosseranno per la sfilata oltre alle prove di portamento su passerella e qualche piccolo aneddoto per affrontare la breve intervista che sosterranno sul palco.

Come accompagnai le aspiranti Miss all’avvicinamento del concorso?

Diciamo che chi si iscrive a un concorso di bellezza, qualsiasi esso sia, è perché si piace e questo é già un bel traguardo, studieremo insieme se ci sono piccoli dettagli che si possono ancora migliorare e per chi vorrà in

forma privata potrà dedicarsi una seduta personalizzata che gli servirà sicuramente per il concorso, ma anche per la vita privata e professionale di tutti i giorni.

La bellezza per Daniela Placentino è?

Principalmente piacersi e volersi bene. Prendersi cura di se stessi cercando di valorizzarsi dalla testa ai piedi. Ognuno di è unico e come tale deve solo imparare le tecniche e metterle in atto per tirare fuori tutto il potenziale che ha, ma che a volte non sa neanche di avere. Quando c’é autostima si vede, emaniamo energia positiva, sicurezza e solarità che ci rende, semplicemente Belli.

Per concludere i suoi progetti futuri con Unyca?

Per il momento l’obbiettivo principale é di far conoscere a tutti: dai giovani, donne e uomini, aziende ed enti scolastici di cosa mi occupo e dell’importanza e l’utilità della professione del consulente d’immagine.